Rapa Nui nel cuore della Tuscia

Condividi

A Vitorchiano, borgo in provincia di Viterbo famoso per la lavorazione del peperino, un eccezionale esempio di scultura Moai

Remote e misteriose, le statue Moai sono enormi sculture di tufo disseminate a centinaia  sull’Isola di Pasqua, oasi sperduta nel mezzo del Pacifico a 3700 chilometri di distanza dalla costa del Cile, di cui fa parte. I Moai furono scolpiti tra il 1000 e il 1600 d.C. utilizzando un unico blocco di pietra. Le statue possono superare i 10 metri di altezza e le 80 tonnellate di peso. 

Moai sull’Isola di Pasqua (foto di Babak Fakhamzadeh)

Non è noto il significato che avessero questi colossi, unica testimonianza di una popolazione scomparsa. Secondo alcuni studiosi i monoliti rappresenterebbero capi tribù o antenati degli abitanti di Rapa Nui; secondo altri sarebbero invece divinità protettrici dell’isola. Oggi Rapa Nui è abitata da popolazioni originarie del Sud America, soprattutto cileni, e provenienti da altre isole dell’Oceano Pacifico, come i Maori

Borgo antico di Vitorchiano (foto di G. Carosi)

Negli anni ’90 un gruppo di undici artisti Maori originari di Rapa Nui, con lo scopo di promuovere nel mondo la cultura dell’isola, ha realizzato in un piccolo paese del viterbese un moderno Moai in peperino, inciso con asce e pietre. Il paese è Vitorchiano, ai piedi dei Monti Cimini, scelto per la presenza di cave di peperino, tipo di tufo simile a quello utilizzato per scolpire gli antichi Moai. La scultura realizzata dai Maori è stata collocata appena fuori dal paese, con lo sguardo rivolto verso il centro storico, un borgo medievale arroccato su una rupe tufacea. 

Moai di Vitorchiano, realizzato nel 1990. È alto circa 6 metri e pesa quasi 30 tonnellate (foto di G. Carosi)
L’opera si trova lungo la Strada Provinciale 23 della Vezza (foto di G. Carosi)
Dettaglio dell’opera, realizzata con asce manuali e pietre taglienti (foto di G. Carosi)

Un altro esempio di Moai moderno si trova a Chiuduno, in provincia di Bergamo, realizzato dallo stesso gruppo di artisti nel 2015. Dall’Isola di Pasqua tre Moai originali sono stati portati in Europa; uno collocato nel Michel Park ad Amburgo, un altro al British Museum di Londra, il terzo al Musée du Quai Brainly a Parigi.

Moai al Michel Park di Ambrugo

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *